cucina italiana di casa  salva tra i preferiti cocina italiana en casa italian cuisine at home sito in francese

ricette di cucina
italiana tradizionale

ricette ipocaloriche, leggere

occasioni speciali

le videoricette di cucina italiana di casa

ricette economiche e veloci

primi piatti con il pesce
cucina italiana di casa:
guida alla navigazione
stuzzichini
antipasti
primi piatti: pasta
primi piatti: riso
zuppe e minestre
secondi piatti
secondi di pesce
ricette secondi piatti carne
piatti unici
dolci
sorbetti
bevande
basi
conserve
pane
panini
 pizza ricette
ricette di cucina
regionale
Inserisci una parola di quello che cerchi nel box qui sotto: troverai la tua ricetta nel sito di cucina italiana di casa

tavole di sintesi

ricerca per ingrediente
in ordine alfabetico

ricette Artusi - la scienza in cucina
e l'arte di mangiar bene

 le insalate 

le ricette dello chef

ricette ipocaloriche

ricette di pesce
indice alfabetico
delle ricette di pesce

ricette vegetariane

ricette con agnello,
pecora,castrato

ricette con il pollo

ricette con carne bovina

ricette con carne suina

 ricette senza glutine

piatti freddi

Torte e sfogliatine salate, piadina,
panzerotti e pizza, focacce

ricette con il tartufo

ricette con i funghi

ricette per fare e
condire la polenta

ricette per la cacciagione

gli approfondimenti

conoscere il pesce di mare

conoscere mitili e molluschi

conoscere i cefalopodi

conoscere i crostacei

conoscere il pesce di acqua dolce

conoscere le carni

conoscere i funghi

le verdure: ricette

conoscere  i formaggi

la pasta

il riso

MINI DIZIONARIO: LE AZIONI

MINI DIZIONARIO: LE COTTURE

ricette di cucina fusion

cucina fusion e

ricette dal mondo

i nostri menù

il pranzo della domenica
occasioni speciali
menù a tema
pranzo della domenica: tutti  menù passo passo

suggeriti

ristoranti amici

hotel amici
le aziende e i prodotti

Cucina italiana
facebook


Cucina Italiana di Casa
on Google+

mai di cucina italiana di casa

desideri una ricetta in particolare? scrivici

RICETTE FOTOGRAFATE DI CUCINA ITALIANA E RICETTE DAL MONDO, IN PIU' CUCINA CREATIVA E FUSION

 italian cuisine at home

italian cuisine at home

cocina italiana en casa

cocina italiana en casa

la cuisine italienne chez toi

la cuisine italienne chez toi

Ricetta fotografata: tortelli cremaschi - ravioli dolci di Crema

 tortelli cremaschi ingredientiravioli dolci di Crema

I ravioli dolci di Crema, o tortelli cremaschi, sono un piatto con una lunga storia, ed una ricetta che, con le solite varianti, è ben codificata nel territorio: non hanno niente a che vedere con i ravioli di zucca della vicina Mantova né con i casoncelli bergamaschi: gli ingredienti di base sono infatti due tipi di biscotti, il Mostaccino e l'amaretto Gallina, ingredienti tipicamente cremaschi. Nel gusto e nella preparazione di questi ravioli si riflette la storia della città di Crema, con l'influenza veneziana e le radici lombarde ben armonizzate. Che la ricetta sia antica lo si intuisce dal sapore e dalla tecnica di preparazione: il gusto per le miscele dolci-salate ravioli con ripieno dolcelo troviamo già in epoca romana, e rimane significativo fino ai primi del '900. In modo particolare cogliamo l'influenza veneziana (che è stata a lungo dominante nella diocesi di Crema) dall'uso delle spezie e di ingredienti particolari come le "armelline di Damasco", (che poi sono le mandorle contenute nei noccioli delle albicocche) usate per la confezione dei biscotti che compongono il ripieno. Sempre come nota storica va ricordato che questo piatto in passato era un lusso riservato ai benestanti, proprio perché cucinato con ingredienti rari e preziosi. Per trovare  ricette codificate di "tortelli cremaschi" si deve arrivare al 1700, anche se è assai probabile che il piatto si preparasse da almeno un secolo. Già nell'ottocento troviamo invece che il patto è arrivato ad una larga diffusione, e lo si trova nei quaderni di ricette familiari: ovviamente ogni casa ha la sua ricetta migliore.... Oggi il tortello cremasco ha anche una sua accademia, promossa dall'enoteca Nonsolovino di Crema.

La ricetta non è difficile: si tratta di trovare l'equilibrio tra il dolce e lo speziato, senza che uno prevalga sull'altro, e di fare una pasta trasparente, che non copra il ripieno.

Se potete vi consigliamo di provare i ravioli direttamente a Crema, approfittandone per vedere la città, ed i dintorni: troverete splendidi esempi di cotto lombardo, un fiume affascinante, una grande abazia, ed una città dall'architettura complessa e ricca, oltre ad una offerta di ristorazione molto varia,di profilo alto, a prezzi ragionevoli... che non è poco! Se entrerete in una buona drogheria e chiederete gli ingredienti per i tortelli cremaschi  vi vedrete consegnare un sacchetto con il "kit completo" per il ripieno adatto a 1/2 kg di farina, che poi significa ravioli per almeno 12 persone, che mangiano con entusiasmo!
primi piatti di pasta vedi tutte le ricette dei primi piatti di pasta ricette vegetariane vedi tutte le ricette vegetariane

Ingrediente basemostaccino, amaretti  al cioccolato
Indicazioni nutrizionaliricetta vegetariana
 tipologiacucina tradizionale 
conservazionepossibile a crudo, congelati
 stagionetutte
difficoltàmedia

TempiTempi

in tavola             in tavola  10 ore (consigliato)
cottura cottura   2  minuti 

 lavoro        lavoro

60 minuti    
riposo riposo8 ore (consigliato)

vinovino consigliato: bianco secco

 IngredientI PER 1 kg di ravioli
per la pasta dei ravioli
farina 00500 grammi
acqua200 cc (circa)
sale1 pizzico
uova (qualcuno lo mette, noi no)1

per il ripieno

mostaccinomostaccino2
amaretti al cacao150 grammi
uvetta di corinto25 grammi
cedro candito15 grammi
marsala secco20 cc
noce moscata1 cucchiaino
pastiglie alla menta (tipo polo)2
grana padano100 grammi
uova1
per condire i ravioli di Crema
aglio1 spicchio
burro500 grammi
salviaun mazzetto
grana padano200 grammi

Preparazione: vai alla ricetta fotografata passo a passo

ricetta fotografata

Note alla ricetta e ringraziamenti Per presentarvi questa ricetta, che mi è subito piaciuta, abbiamo fatto ricerche lunghe, impegnative e gustose: non solo per trovare la variante che, secondo noi, è la più interessante delle molte che esistono, ma anche per risolvere il problema degli ingredienti per chi non vive a Crema. La lista delle persone da ringraziare è molto lunga: in primo luogo la famiglia Bettinelli, che con grande disponibilità ci ha accompagnato in un giro di degustazione nei locali più e meno noti del territorio, e soprattutto mi ha insegnato la "tecnica del pizzicato" con cui si devono chiudere i ravioli di crema. Sempre a loro sono debitrice della scelta della pasta senza uova. Poi molti ristoratori, tra cui ricordiamo "le tre rose", e  "il viale",e pasticceri la pasticceria Redaelli in particolare,  che ci hanno gentilmente dato informazioni sulla loro ricetta ed aiutato nel compito di capire come si fanno i Mostaccini... Infine, o forse dovrei dire al principio, le molte persone gentili che mi hanno procurato gli ingredienti, o portato i ravioli fatti da loro, o dalla mamma, per farmeli assaggiare. Sono davvero tante perciò citerò solo le prime due: La signora Paola e la signora Elisa. 

Dopo mesi di lavoro, degustazioni e prove, sono ingrassata un pochino, ma finalmente eccovi la ricetta, naturalmente fotografata passo a passo!

<< torna alla home page